La quarantena è considerata malattia?

Salvatore Iadevaia

4 gennaio 2021

Dopo le prime istruzioni del 24 giugno 2020 con il messaggio n° 2584; l’Inps tramite pubblicazione del messaggio n° 3653 del 9 ottobre 2020, ha ritenuto opportuno chiarire ulteriormente quali sono i lavoratori aventi diritto alla tutela previdenziale della malattia nell’attuale contesto di emergenza sanitaria.

Quando la quarantena è malattia?

La quarantena e la permanenza domiciliare fiduciaria (con la corresponsione dell’indennità che copre la perdita di guadagno) sono riconosciute malattia solo quando la stessa è certificata da una disposizione sanitaria nazionale.

La quarantena è equiparata alla malattia e viene riconosciuta come tale solo dopo la presentazione da parte del lavoratore, del certificato di malattia attestante il periodo di quarantena nel quale il medico curante dovrà indicare gli estremi del provvedimento emesso dall’operatore di sanità pubblica.

Quando la quarantena non è malattia?

La quarantena spontanea che porta un lavoratore a isolarsi in casa propria per la paura di contagiare o di essere contagiato, non è considerata malattia.

La quarantena per i lavoratori all’estero che si trovano nelle condizioni di non poter rimpatriare, non è riconosciuta malattia in quanto l’accesso alla tutela deve sempre provenire da un procedimento eseguito dalle preposte autorità sanitarie italiane.

La quarantena per il lavoratore che risiede in un Comune sito in zona rossa, o che lavora per un’azienda la cui sede si trova in zona rossa, non è riconosciuta malattia.

In caso di soggetti fragili o di soggetti lavoratori per cui si sono attivate modalità alternative di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato, come il lavoro agile e lo smartworking e per cui sulla base di accordi con il proprio datore di lavoro continuano a ricevere la retribuzione prevista dal contratto, non è prevista la malattia se non quando si trovino temporaneamente nelle condizioni di incapacità di lavorare, acquisendo il diritto di accedere alla tutela della malattia.

La quarantena per i lavoratori “malati” in Cig non è equiparata alla malattia in quanto sono soggetti già destinati al trattamento di cassa integrazione che prevale sulle altre indennità.

Fonti: Inps, L’Economia, Fiscomania.

Salvatore e Carlo Iadevaia

Salvatore e Carlo Iadevaia

Dottori Commercialisti e Revisori dei Conti
Fondatori dello Studio Iadevaia

Hai bisogno di Aiuto?  
Studio Iadevaia
Avvia una conversazione su WhatsApp
Risponderemo il prima possibile.
Send this to a friend