CREDITI IMPOSTA 2018



News del 2018-01-01

Si presenta estremamente ricco il pacchetto di crediti d’imposta (introdotti ex novo, confermati o ampliati) previsti dalla legge di bilancio 2018 (articolo 1, legge 205/2017) a favore delle imprese. Dopo aver analizzato quello previsto per le spese di formazione nel settore delle tecnologie 4.0 (vedi “Formazione personale dipendente: arriva un nuovo credito d’imposta”), si passeranno ora in rassegna gli altri benefici previsti dalla manovra di fine anno. Credito d’imposta per le imprese culturali e creative (commi da 57 a 60) A favore delle imprese culturali e creative viene istituito uno specifico credito d’imposta connesso alla loro attività. Più precisamente, il credito spetta nella misura del 30% dei costi sostenuti per attività di sviluppo, produzione e promozione di prodotti e servizi culturali e creativi. Il legislatore fornisce una definizione puntuale di imprese culturali e creative, stabilendo che sono tali le imprese (o i soggetti) che: svolgono attività stabile e continuativa, con sede in Italia, in uno Stato Ue o in uno Stato aderente allo Spazio economico europeo sono soggetti passivi d’imposta in Italia hanno quale oggetto sociale, in via esclusiva o prevalente, l’ideazione, la creazione, la produzione, lo sviluppo, la diffusione, la conservazione, la ricerca e la valorizzazione o la gestione di prodotti culturali. Per prodotti culturali si intendono beni, servizi e opere dell’ingegno inerenti alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, alle arti applicate, allo spettacolo dal vivo, alla cinematografia e all’audiovisivo, agli archivi, alle biblioteche e ai musei nonché al patrimonio culturale e ai processi di innovazione a esso collegati. Le imprese beneficiarie possono accedere al credito d’imposta nel rispetto dei limiti stabiliti in materia di aiuti de minimis. Il credito: non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini Irap non concorre alla determinazione del rapporto rilevante per la deducibilità degli interessi passivi, delle spese e degli altri componenti negativi (cfr articoli 61 e 109, comma 5, Tuir) è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante F24. Con due successivi decreti ministeriali saranno adottate le disposizioni relative: alla procedura per il riconoscimento della qualifica di impresa culturale e creativa e alla definizione di prodotti e servizi culturali e creativi (a tal fine, si dovrà tener conto della necessità di coordinamento del nuovo credito d’imposta con le disposizioni del codice del Terzo settore, Dlgs 117/2017) al monitoraggio e al rispetto dei limiti di spesa, alle tipologie di spesa ammissibili, alle procedure per l’ammissione al beneficio, ai limiti massimi della spesa agevolabile, ai criteri per la verifica e l’accertamento dell’effettività delle spese sostenute, ai criteri relativi al cumulo con altre agevolazioni aventi a oggetto gli stessi costi, alle cause di decadenza e revoca del beneficio nonché alle procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo del credito d’imposta. Il credito è riconosciuto nel limite di spesa di 500mila euro per il 2018 e di un milione di euro per il 2019 e il 2020. Credito d'imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (comma 892) Tra i crediti d’imposta “rafforzati”, vi è il “bonus investimenti” al Sud. La legge di bilancio, infatti, incrementa di 200 milioni per il 2018 e di 100 milioni per il 2019 le risorse destinate al finanziamento dell’agevolazione. Il credito è stato introdotto dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, commi da 98 a 108, legge 208/2015) in relazione all’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo). Sull’agevolazione, l’Agenzia delle entrate ha fornito precisazioni e chiarimenti nelle circolari n. 34/E del 3 agosto 2016 e n. 12/E del 13 aprile 2017.

Commercialisti Cagliari

Commercialisti Cagliari: Lo studio mette a disposizione della clientela il servizio contabilita' on-line rivolto ai Professionisti (psicologi, dottori, ecc), Ditte Individuali, Enti non Profit e Società Di Persone in contabilità semplificata o per i contribuenti minimi.

Buste paga on-line


Consulenti del lavoro

Consulenti del Lavoro Cagliari: Lo studio Iadevaia trova le soluzioni ai problemi legati alla gestione amministrativa del personale, utilizzando i vantaggi ormai universalmente riconosciuti di internet.

Contabilità on line

Archivio News

Consulta l'archivio delle news dello Studio Iadevaia

Entra nel nostro blog